Gli esperti affermano che il Galaxy Note 7 era troppo sottile per la batteria

Note 7

Entro la fine di questo mese lo sapremo di Samsung la vera ragione dell'intero problema della batteria che aveva il Galaxy Note 7 e che ha fatto prendere fuoco a molti modelli con stupore e sorpresa dell'utente. Un problema molto serio per l'azienda che richiederà tempo per rimuovere dal tuo record in quanto è una grande macchia sul tuo curriculum.

Alcuni dei motivi addotti diventano più rilevanti e hanno una loro logica, come quella in cui i punti di uscita erano troppo vicini tra loro, che ha permesso alle sorgenti di carico e scarico di unirsi e ha causato l'incendio. . Ha deciso uno studio di ingegneria di progettazione strumentale dare un'occhiata per verificare cosa è realmente accaduto.

Nella scomposizione e analisi di un'unità, il team di Anna-Katrina Shedletsky, fondatrice e CEO dell'azienda, ha scoperto che la gestione del Galaxy Note 7 in modo normale ha consentito al telefono di espandersi e ridurre la batteria. Questo mette sotto pressione lo strato positivo e negativo della cellula. Quando questi strati sono in stretta vicinanza, la protezione è di scarsa utilità e gli strati iniziano a restituire energia l'uno all'altro, e la temperatura inizia a salire in modo che l'esplosione abbia finalmente origine.

In effetti, la scelta di Samsung di inserire una batteria da 3.500 mAh in uno spazio molto piccolo ha amplificato il potenziale impatto, sebbene sia qui che risiede il vero dibattito. Test della batteria hanno bisogno di un periodo di un anno per alcuni test e migliaia di essi devono essere testati per ottenere risultati significativi. È possibile che l'innovativo processo di produzione delle batterie sia stato modificato nel mezzo dello sviluppo e che le versioni più recenti delle batterie non siano state testate rigorosamente come i primi campioni.

La tolleranza progettata per lo slot o lo spazio della batteria, in alcuni punti non raggiungevano nemmeno 0,1 millimetri, che non aiuta. Non c'era spazio per l'asse Z per "respirare", quando di solito c'è almeno una tolleranza del 10%.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Actualidad Blog
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.